.
Annunci online

venezian-lombardo fuor d'acqua

Feed RSS di questo blog RSS 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
GayCrawler
Blog Catalog
Globe of Blogs
Blog Rankings
GetBlogs - Find Blogs in the Blog Directory

TECNOLOGIE - 9 settembre 2008

Chrome

Icona di Google ChromeL'ho scaricato subito, dal primo giorno in cui è stato messo a disposizione. Devo dire che è ben fatto. Condivide il patrimonio genetico, ossia il motore di rendering, con Safari e la velocità di resa sotto Windows è uguale, ossia molto elevata, ma Chrome gestisce meglio la fase di transitorio di acquisizione dei dati. Safari in qualche modo "aspetta" in modo da dare l'impressione di rendere, se possibile, tutta la pagina in un colpo mentre Chrome no, parte subito, dando così la sensazione di una maggior reattività. E il motore comune (WebKit) si vede subito su alcuni siti della mia intranet aziendale che non son scritti esattamente in modo rigoroso rispetto allo standard web: sia su Chrome che su Safari la non correttezza del codice sorgente si vede immediatamente nella resa grafica, che invece Firefox e Internet Explorer, un po' più di "bocca buona", sistemano per conto loro forzando in qualche modo lo standard.

L'interfaccia utente, con le schede disposte "sopra" all'area utile, è molto ben studiata e ci si abitua immediatamente. L'uso dello spazio su schermo (il cosiddetto real estate) è migliore rispetto agli altri browser. Ho fatto una prova, a parità di dimensioni delle finestre e di schede aperte, su un vecchio monitor 17" in risoluzione 1024x768: Chroma riesce a visualizzare un mezzo centimetro abbondante di spazio utile in più. Molto comoda la funzione di importazione automatica dei bookmark e delle password dal browser predefinito. Un po' macchinosa invece la gestione dei bookmark, ma in fin dei conti si tratta ancora di una beta, ossia di una versione di prova. Potentissimo poi il sistema di controllo dei pop-up: semplicemente non compaiono, viene fuori un rettangolino nell'angolo inferiore destro con i tre controlli ordinari delle finestre (minimizza, massimizza, chiudi), un bel cllick sulla X e fine della rottura delle balle. E se un sito non va, si impalla solo la scheda su cui quel sito è visualizzato, non l'intero programma: si chiude la scheda e fine del problema (e in questo mi ricorda molto OS X). Insomma, un bel prodottino davvero, snello, ben concepito - ed è ancora una beta, ossia una versione non finale. Mi sa che per Internet Explorer e per Firefox si annunciano tempi duri. Aspettiamo adesso la versione per Mac.

Eh sì, perché Firefox 3.0, da quando è uscito, è riuscito a diventare subito il mio browser preferito, soppiantando Safari che prima regnava pressoché incontrastato. Ma sul pc windows del lavoro, Google Chrome a sua volta nel giro di mezza giornata ha scalzato Firefox 3.0 e mi ci trovo da dio. Inutile dire che IE, da quando ho il pc del lavoro, se l'avrò usato dieci volte in tutto è tanto e comunque non regge davvero il confronto - e parlo di IE7, non di quelle ciofeche delle versioni precedenti. Complimenti al software team di Google (fino a quando Microsoft non riuscirà ad impadronirsene).


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gatto digitale

permalink | inviato da gattopesce il 9/9/2008 alle 14:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa
 
viaggia nel tempo     <<agosto 2008    [    ]    ottobre 2008>>